Apicoltura Stefano Grazioli

Miele e ortaggi a Bracciano

Apicoltura Stefano Grazioli

Miele e ortaggi a Bracciano

Storia

Stefano Grazioli apre la sua azienda “Apicoltura Stefano Grazioli” nel 2009. Il terreno, di un ettaro e mezzo, è del padre e la produzione di miele è andata crescendo progressivamente di anno in anno, inizialmente con un paio di arnie, poi 4 e così via fino alle attuali 70.
Stefano prima di essere apicoltore era un rappresentante nel campo del food e da appassionato del settore e della campagna ha deciso di diventare lui stesso un produttore.

L’attività principale è svolta dal lavoro delle api, che Stefano cura regolando la nascita e la crescita delle famiglie.

Prodotti

Nella sua terra oltre al miele coltiva topinambur da cui fa la “crema al topinambur”.
La conoscenza con questa pianta, che altro non è che un tubero, avviene a seguito di sperimentazioni sul biogas che vedevano coinvolte la coltivazione del Topinambur.
Stefano decide allora di coltivarlo, in virtù del fatto che è una pianta infestante che cresce senza problemi. Da ogni pianta si può arrivare a tirar fuori fino a 3/4 kg di prodotto.
Originario del nord America arriva in Italia nel 1600/1700, ma è da circa 10 anni che è stato rivalorizzato in funzione anche delle sue proprietà: è un alimento ricco di inulina, una sostanza che regola l’insulina nel corpo, rivelandosi indicato per chi ha il colesterolo alto. È ricco di sali minerali, ferro e potassio.
Da un paio di anni Stefano produce la sua crema a base di Topinambur ma ha in mente altri prodotti. Oltre a quest’ultimo nel suo terreno coltiva anche aglio rosso di Sulmona, peperoncini di vari tipi, nocciole, melograni e molto altro. E’ sempre in cerca di stimoli, sperimentazioni e nuovi prodotti particolari da coltivare!

Per quanto riguarda il miele e, quindi, le api, Stefano ha apiari sia a Bracciano, che è il cuore dell’azienda, che a Cisterna di Latina.
La produzione di miele si diversifica in:

  • Millefiori
  • Miele di Acacia
  • Miele di Castagno
  • Propoli
  • Polline

Ogni tanto viene prodotta anche la melata.

Il Processo Produttivo del Miele

Si inizia a lavorare con le api verso marzo, la bravura infatti non è fare il miele ma far produrre le api. Il lavoro sull’insetto è molto importante e si cerca di rendere la famiglia forte, in salute e numerosa.
Le api hanno un raggio di azione di circa 2/3 km in linea d’aria, ad aprile c’è un bilanciamento dopodiché verso maggio si iniziano a mettere su i melari, ovvero delle parti dell’arnia dove le api depositano il miele in più.
Quando i melari sono pieni vengono portati in laboratorio e vengono “smielati”. Durante di processo di smielatura dentro il miele si forma un po’ d’aria che, mischiandosi con il miele, viene lasciato a decantare in un fusto di acciaio chiamato maturatore. Dopo quindici giorni, l’aria viene in superficie e fa una schiuma, la quale viene tolta per questioni estetiche e infine il miele viene messo nei vasetti.

Dove acquistare i prodotti

Per acquistare i prodotti possiamo trovare Stefano presso il mercato del mercoledì a Piazza Don Cesolini a Bracciano ed il venerdì presso il mercato contadino a Piazza Italia (via XX settembre), sempre a Bracciano.

Giorno Orari
Lunedì //
Martedì //
Mercoledì – Piazza Don Cesolini 7.30-13
Giovedì //
Venerdì – Piazza Italia 7.30-13
Sabato //
Domenica //
Galleria di foto – Apicoltura Stefano Grazioli

Scopri altri Prodotti dal Territorio:

Zaffo

Zaffo

Lo Zafferano Puro del Lazio